E…

… Da oggi non sono più soccorritore allievo, ma soccorritore a tutti gli effetti.

Da oggi sono il terzo uomo sull’ambulanza…

un po’ come compiere 18 anni… emozionante e terrorizzante nello stesso tempo.

Più responsabilità, anche degli allievi che mi affiancheranno.

Felice? Sì.

Impaurita? Anche di più.

Ma è giusto e va bene così.

 

Annunci

basta un giorno così…

….a cancellare 120 giorni stronzi.

Sì, perchè sta mattina ero esausta ancor prima di partire per l’ufficio, perchè sono parecchio assonnata e il naso gocciolante e ho tutti i muscoli indolenziti, però…

Però questo è stato un week end pieno di tutto quello che io considero vita.

Un sabato mattina in visione dell’ennesima villetta (urenda.. ma va beh) con P-Chan, pomeriggio con cambio di look per entrambi e ripasso per l’esame, per me, poi cena in ottima compagnia di amici, di quelli che vorresti vedere ogni giorno da quanto state bene insieme. Rientro ad un’orario improponibile, soprattutto per me. Ma ne è valsa la pena.

La domenica mattina alle 8.00 inizio dell’esame scritto sulle emergenze mediche adulto, pediatriche, PBLSD e ostetrico-ginecologiche; poi h 11.00 ecco l’inizio della prova pratica, mi sembra ovvio che io beccassi giusto lo scenario dell’infante con crisi convulsive. Io che detesto i bambini. Superato abbastanza bene, non senza momenti di ilarità dovuti al fatto che le veci della madre del pupo le facesse un uomo di 35 anni stempiato ed imponente, che fa delle facce assurde! Dopo essermi beccata della secchiona e aver quindi superato uno degli ultimi step antecedenti l’esame finale in Niguarda, saltellando per la felicità e per essermi tolta un peso, per festeggiare decidiamo insieme a P-chan di pranzare al giappo. Pomeriggio trascorso con la cagnola e i mici del quartiere, poi cambio veloce d’abito e via di corsa per il turno di notte. L’aria che si respira in cb è una delle cose che mi riempiono di più il cuore, ti senti a casa e in famiglia. Ogni membro della tua squadra, e ogni volontario all’interno riesce creare quell’atmosfera che in ogni associazione benefica dovrebbe esserci. Dormito poco più di 4 ore, h 7.00 fine turno, ci si prepara per iniziare la giornata.

Ed eccomi qui, stanca, ma soddisfatta e felice, come in pochi altri giorni.

Estate non è sinonimo di vacanza

Sono quasi arrivata al termine della mia settimana full!
Stressata e stanca, ma soddisfatta.

Con questa notte finisco l’ultimo turno di agosto, che mi ha portata a non vedere o quasi casa mia in questa settimana…  domani dormirò tutta la mattina e poi coccole a non finire alla mia puffa pelosa, e soprattutto con P-Chan, che per varie ed eventuali, son quasi tre mesi che vedo poco o nulla… mi manca davvero e spero di non passare mai più un’estate così lontani.

Capisco che con i turni io non sia troppo presente, ma questo accade anche in inverno, quando ci si vede di più.. quest’estate col fatto che sua mamma è venuta al nord a trovare i figli, col fratello (zio di P-chan) disabile e totalmente non autosufficiente, ma senza marito che le possa dare una mano, e aggiungiamoci il fatto che il figlio minore (fratello di P-chan) sia un totale idiota che non solo non aiuta, ma pretende ed insulta, abbiamo il quadro del perchè P-chan è sempre e costantemente con sua madre e non si abbia il tempo di vederci solo noi. Mi pare ovvio che la cosa non mi stia affatto bene. Quest’anno è andata così, e appena la madre torna giù, sicuramente ci sarà un discorso da affrontare. Ora mi pare inutile, dato che P-chan si troverebbe tra due fuochi e che a farne le spese alla fine, per colpa di suo padre e suo fratello, sarebbero lui, la madre e suo zio. Però, se viviamo insieme, viviamo insieme anche quando madre e zio vengono al nord, altrimenti possiamo vivere ognuno per i fatti propri sempre… questo trasferimento estivo proprio non mi va giù. Che fratello e padre si prendano le proprie responsabilità. io una famiglia a metà non la voglio, non per stronzate come quella di padre che deve rimanere giù a badare agli animali: li affidi, o faccia salire la moglie e cognato solo quando c’è pure lui, dato che il figlio minore che in quella casa vive, la notte non c’è mai e la sera trova importante uscire con gli amici senza rientrare nemmeno un attimo per poter aiutare la madre con suo zio.  Per quest’anno è andata così, ma il prossimo, P-chan ha una casa e una vita con me, si può aiutare quando necessario, ma necessario non deve essere sempre e costantemente perchè semplicemente gli altri se ne fregano. Perchè a sto punto divento egoista e stronza io. In estate abbiamo tutti bisogno di evadere, non ci siamo fatti nemmeno un w/e fuori, per i fatti nostri per questa storia. L’estate è estate per tutti, quindi fanculo. La modalità egoista ora è settata in funzione ON. E ci vorranno altro che i santi per spegnerla. L’estate quest’anno non solo non è stata vacanza, ma nemmeno tranquillità per noi. E di questo dovranno risponderne.