regali e parole di libertà

Dopo un week end passato ad acquistare regali di Natale, sì, di Natale, che qui ci si porta avanti. Le tazzine da cappuccino con piattino e cucchiaino in fibra di bamboo e i vassoi e le posate scontati al 70% così belli e di classe e per di più ecologici, non potevano sfuggirci, così come non potevano sfuggirmi quelle meraviglie trovate in internet, e che dire di borse particolari e di marca e di altri gingilli che avevano già trovato un destinatario nella mia mente? Niente, io ho quasi finito di pensare a tutti i regali di Natale. Amici e parenti sono quasi tutti a posto, mancano poche persone. Le più importanti, ma va bene. Mi fido di internet… Già per mia mamma è stato acquistato il regalo per l’onomastico che è i primi di dicembre! XD

L’aver già pensato ai regali più ostici mi dona un senso di euforia e leggerezza che è eguagliato solo dall’e-mail ricevuta in questo week end riguardo alle mie vacanze di novembre, che ora si fanno più concrete. I primi di Novembre insieme ad un euforico e stanco P-chan, mio fratello e una coppia di amici metallari, saremo a Berlino per una settimana. E io già non vedo l’ora!!!!!!!!!!

Mi sento euforica, leggera e gioiosa! Vacanze e regali, cosa c’è di meglio?

Dopo un’estate pesantissima, e non parlo del clima che pure ci ha messo del suo, la prospettiva di vacanze con delle persone a cui tengo così tanto mi fa sentire libera… speriamo che questa sensazione duri a lungo!

Annunci

2 pensieri su “regali e parole di libertà

  1. Grazie per essere passata e delle tue parole 🙂 Berlino è stupenda. Io mi sono innamorata! Ti piacerà moltissimo! ps: regali di Natale?? Lo sai che io ODIO anche il Natale vero? 🙂

    1. Passo spesso da te, leggo avidamente ogni post. Riesci a esternare e a mettere nero su bianco quello che provo anch’io, ma molto meglio di come lo farei io!
      Sono stata a Berlino 11 anni fa con la scuola, e vi ho lasciato il cuore, insieme a Londra è uno dei luoghi in cui mi trasferirei domani stesso! 🙂

      Sul Natale ho sentimenti contrastanti. Per l’85% è odio allo stato puro, per il restante 15% è un insieme di sentimenti contrastanti, ovvero voglia di godermi al massimo i miei, e odio nel vedere il resto della famiglia, odio per alcuni parenti di P-chan e delle situazioni che si creano sempre… da quando non ci sono più i miei nonni materni, ecco, boh, vivo tutto un po’ diversamente, quindi anche il Natale. Da quest’anno non so se lo amerò di più o o odierò definitivamente. Certo il fatto di aver già acquistato i regali e risparmiando un sacco di soldi, lo rende più accettabile… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...