sfoghi

Odio il fottuto natale.

tutto questo buonismo sterile, ipocrita e di convenienza; la corsa ai regali; i soldi spesi inutilmente; le immancabili critiche ai regali, di qualunque portata sia il dono;  e quindi ulteriore spreco di danaro; le cene in famiglia e i commenti acidi una volta varcato l’uscio della porta in direzione casa; le litigate per una virgola messa in un punto differente da dove la voleva il tuo interlocutore; il cibo…tanto, troppo; le litigate per dove come con chi e perchè passare sto cazzo di Natale.

 

Odio il fottutissimo Capodanno.

Cazzo festeggi? Ogni cosa finisce, anche gli anni, e ne iniziano di nuovi, non lo puoi fermare il ciclo della vita; tutti che ti chiedono dove come e con chi passi il capodanno, solo per vedere se sono più o meno sfigati di te; e le mutande rosse, che dai, davvero, da donna son pure passabili, ma un uomo è schifosamente ridicolo; stress da organizzazione cenone, dove andiamo, cosa facciamo e soprattutto PERCHE’? Per quale cazzo di motivo dovrei essere felice di spendermi parte della tredicesima per un cazzo di cenone che sarà sicuramente sotto gli standard medi di qualunque ristorante/catering/cuoco provetto medio… perchè tutti,  tutti a parte la sottoscritta, si affannano nel trovare il luogo, la compagnia, la festa migliore per passare quell’unica notte in cui l’unica cosa che cambia è l’ultima cifra dell’anno?

Non lo so, sarò cinica, sarò stronza, sarò semplicemente io, ma minchia, mi proponessero di lavorare in questi giorni, io andrei anche sottopagata…. fanculo va’, feste del menga!

dunque…

…io capisco di essere una rompicoglioni insofferente ed acida quando mi ci metto d’impegno,  ma anche normalmente riflettendoci, però, dico, io arrivo in ufficio alle 07.45 per godermi la calma del mattino, quando non c’è nessuno e quei pochi sfigati che condividono lo spazio con me a quell’ora sono sonnacchiosi e rinchiusi in quel loro meraviglioso e rilassante, nonchè rinvigorente silenzio.

Ora, qualcuno dovrebbe far capire ai nuovi vicini di scrivania che arrivare alle 07.50 e cominciare a sparare minchiate a millemila decibel ridendo come dei cretini di prim’ordine senza ritegno.. disturba, ed è pericoloso. Per loro. Naturalmente.

Non vedo l’ora che ci trasferiscano nelle nuove postazioni, o qualcuno si ritroverà a dovermi portare le arance in cella!

…take it ease and keep calm…

Cazzooooooooooooooo!!!!!!!

Siamo al 14 di dicembre, settimana prossima lavoro tutti i giorni e ho milioni di impegni e non ho ancora comprato mezzo regalooooo!!!!!!!!!!

Il peggio è che non ho nemmeno idee…

Questo conferma quanto io odi ardentemente il Natale!

Lo odio, lo odio e lo odio… soprattutto se come quest’anno non ti da nemmeno mezza giornata di ferie… GRRRRRRRRRRRR!!!!!!!!!

Sì.

sono cose della vita…

Ok, normale non lo sono mai stata, e le cose normalmente, a me non sono mai andate… però. C’è un però!

Sta mattina, arrivando in ufficio alle 7.50 ho scoperto di avere una visita alle 9.00 dall’altra parte del mondo… e corri.

Alla visita mi somministrano 2 e dico 2 gocce di numero di un medicinale,  ed ora mi ritrovo qui a non sapere bene come articolare le parole e ad avere la testa che gira e completamente nel pallone…! Bau!